La ‘bambola’ di Kokoschka, simulacro dell’ossessione amorosa

di Alessandro Melia Nell’età moderna i medici consideravano il ‘mal d’amore’ una malattia grave, che poteva portare a forme incurabili di insonnia, cecità e demenza. Più avanti, agli inizi del Novecento, quando l’inconscio prese il sopravvento e scrittori, pittori e musicisti non facevano altro che scandagliare e dare spazio ai loro tumulti interiori, la diagnosiContinua a leggere “La ‘bambola’ di Kokoschka, simulacro dell’ossessione amorosa”