Torna ‘L’uomo che piantava gli alberi’ di Jean Giono, parabola perfetta sull’uomo e la natura

di Alessandro Melia Ci sono storie che si tramandano nel tempo senza perdere mai la loro forza. Sono storie dal contenuto universale, che parlano di valori come l’amicizia, il rispetto, la lealtà, il senso della vita. Spesso hanno la capacità di plasmare i pensieri di chi le legge perchè il loro messaggio arriva dritto alContinua a leggere “Torna ‘L’uomo che piantava gli alberi’ di Jean Giono, parabola perfetta sull’uomo e la natura”

Pubblicità

Come un romanzo dell’Ottocento ‘Il cardellino’ ci svela il cuore del mondo

di Alessandro Melia “Scrivere significa tenere insieme il mondo dopo che l’hai fatto a pezzi. Molta della bellezza che troviamo nella letteratura nasce da questo”. Nella ‘Palladium Lectures’ dedicata alla scrittura, Alessandro Baricco usa questa definizione per raccontare Marcel Proust. L’autore de ‘Alla ricerca del tempo perduto’, nell’atto di scrivere, “fa un solo gesto: conContinua a leggere “Come un romanzo dell’Ottocento ‘Il cardellino’ ci svela il cuore del mondo”

Sogni, ricordi e notti inquiete: Williams e Kaniuk ‘illuminano’ le nostre vite

di Alessandro Melia Nel pieno della maturità, Auguste Rodin lavorò incessantemente a una serie di opere dedicate alle figure degli amanti (‘Amore e Psiche’, ‘Paolo e Francesca’, ‘Venere e Adone’, ‘La terra e la luna’). Una di queste, ‘Il giorno e la notte’, che lo scultore parigino terminò nel 1909, raffigura un uomo e unaContinua a leggere “Sogni, ricordi e notti inquiete: Williams e Kaniuk ‘illuminano’ le nostre vite”

L’arte del ritratto, Zweig dipinge a parole le vite di Nietzsche e Montaigne

di Alessandro Melia Il pittore che si appresta a dipingere un ritratto dal vivo può guardare negli occhi il suo soggetto. Ce l’ha di fronte, è un uomo o una donna, può decidere che tipo di luce usare, quale postura conferirgli, ha a disposizione una gamma di espressioni pressoché unica. Lo scrittore o il criticoContinua a leggere “L’arte del ritratto, Zweig dipinge a parole le vite di Nietzsche e Montaigne”

In ogni libro c’è una storia che parla di noi, ma ci conosciamo come lettori?

di Alessandro Melia Ogni libro racconta una storia. Ogni storia, in modi completamente diversi, parla di noi. E’ per questo che, a volte, abbiamo la sensazione che un libro che stiamo leggendo ci stia raccontando. Quando succede, siamo avvolti da una sensazione di piacevolezza e di frequente mettiamo in atto una serie di stratagemmi perContinua a leggere “In ogni libro c’è una storia che parla di noi, ma ci conosciamo come lettori?”

Un faro rosso

  1. Vidi mio fratello dal terrazzo. Si stava facendo spalmare la crema solare da una donna. La spiaggia era quasi vuota, nonostante la giornata calda. Sul mare piatto si rifrangeva la luce del sole mentre il bagnino sotto l’ombrellone teneva le braccia incrociate. Cercai di capire chi fosse la donna, non mi sembrava di conoscerla, ma ero troppoContinua a leggere “Un faro rosso”

Camus e Frisch, tentativi di rivolta contro l’insensatezza dell’esistenza

di Alessandro Melia Nell’ottobre del 1942, in Francia, la casa editrice Gallimard pubblica un saggio. Si intitola ‘Il mito di Sisifo’ e parla di un certo male dello spirito, un sofferenza di vivere, chiamato l’assurdo. A quanto pare si tratta dello stesso morbo che ha colpito Meursault, il protagonista del romanzo ‘Lo Straniero’, uscito treContinua a leggere “Camus e Frisch, tentativi di rivolta contro l’insensatezza dell’esistenza”

La ‘bambola’ di Kokoschka, simulacro dell’ossessione amorosa

di Alessandro Melia Nell’età moderna i medici consideravano il ‘mal d’amore’ una malattia grave, che poteva portare a forme incurabili di insonnia, cecità e demenza. Più avanti, agli inizi del Novecento, quando l’inconscio prese il sopravvento e scrittori, pittori e musicisti non facevano altro che scandagliare e dare spazio ai loro tumulti interiori, la diagnosiContinua a leggere “La ‘bambola’ di Kokoschka, simulacro dell’ossessione amorosa”

Wislawa Szymborska ci insegna il valore dell’ironia

di Alessandro Melia Non prenderci troppo sul serio. Sorridere, emozionarci, prestare attenzione alle piccole cose quotidiane come bere un caffè, leggere un libro, fare una passeggiata. Potrebbero essere questi i migliori propositi per il 2014. A ricordarcelo è un libro (con dvd) uscito da poco: ‘La vita a volte è sopportabile – ritratto ironico diContinua a leggere “Wislawa Szymborska ci insegna il valore dell’ironia”